0

Il danno da “uccisione” e perdita del rapporto parentale

Il danno da perdita del rapporto parentale, a seguito di uccisione, è “quel danno che va al di là del crudo dolore che la morte in sé di una persona cara, tanto più se preceduta da agonia, provoca nei prossimi congiunti che le sopravvivono, concretandosi esso nel vuoto costituito dal non potere più godere della presenza e del rapporto con chi è venuto meno e perciò nell’irrimediabile distruzione di un sistema di vita basato sull’affettività, sulla condivisione, sulla rassicurante quotidianità dei rapporti tra moglie e marito, tra madre e figlio, tra fratello e fratello, nel non poter più fare ciò che per anni si è fatto, nonché nell’alterazione che una scomparsa del genere inevitabilmente produce anche nelle relazioni tra i superstiti” (cfr. Cass. Civ., Sez. III, Ord. 13/4/2018, n. 9186).

Leggi tutto

0

La concorrenza sleale ai sensi dell’art. 2598 del Codice Civile

“Ferme le disposizioni che concernono la tutela dei segni distintivi e dei diritti di brevetto, compie atti di concorrenza sleale chiunque: 1) usa nomi o segni distintivi idonei a produrre confusione con i nomi o i segni distintivi legittimamente usati da altri, o imita servilmente i prodotti di un concorrente, o compie con qualsiasi altro mezzo atti idonei a creare confusione con i prodotti e con l’attività di un concorrente; 2) diffonde notizie e apprezzamenti sui prodotti e sull’attività di un concorrente, idonei a determinarne il discredito, o si appropria di pregi dei prodotti o dell’impresa di un concorrente; 3) si vale direttamente o indirettamente di ogni altro mezzo non conforme ai principi della correttezza professionale e idoneo a danneggiare l’altrui azienda”.

Leggi tutto

0

Il danno alla capacità lavorativa: nozione, prova in giudizio e risarcimento.

La lesione della capacità lavorativa attiene, genericamente, alla condizione di quell’individuo che a seguito di infortunio veda ridotta la propria capacità di produrre reddito attraverso lo svolgimento di un lavoro;

Leggi tutto

0

Attività medico-chirurgica: il diritto del paziente al Consenso Informato

Con una serie di rilevanti pronunce giurisprudenziali, la Corte di Cassazione torna ad affrontare il tema del consenso informato acquisito dal paziente sottoposto ad attività medico-chirurgica, chiarendo la natura dell’obbligo gravante sulla struttura sanitaria e sul medico, l’estensione ed i confini del diritto del paziente nonché le fattispecie di danno configurabili, conseguenti alla violazione del medesimo obbligo.

Leggi tutto

0

Danno da perdita del rapporto parentale in favore del nipote: il requisito della convivenza

Con la sentenza n. 29332 del 07/12/2017 si attesta un significativo cambio di rotta da parte della Corte di Cassazione in tema di risarcibilità del danno non patrimoniale da “perdita del rapporto parentale” anche in favore dei nipoti non conviventi con la vittima;

Leggi tutto